Pizze e focacce, Ricette

Focaccia con farina di quinoa con pomodori caramellati e timo

Buongiorno amici! Rieccomi con una nuova ricetta, sempre un lievitato ma salato!
So che molti di voi staranno pensando: “Il forno, ora???”. Beh si avete ragione, ma tanto ormai lo avete capito che io non riesco a rinunciarci!

La ricetta che vi propongo, ad ogni modo, potete comunque segnarvela e preparala più avanti. Per questa focaccia andranno benissimo i pomodori da insalata che troviamo ancora a fine stagione o qualsiasi altro condimento più autunnale, come patate e salsiccia, ad esempio!

Questa ricetta è nata per puro caso, non pensavo di metterla sul blog ma ci è piaciuta tantissimo! Spero conquisti anche voi!

Ingredienti:

  • 150 gr di farina di quinoa
  • 350 gr di farina manitoba
  • 10 gr di zucchero
  • 10 gr di sale
  • 300 ml di acqua tiepida
  • una bustina di lievito secco attivo
  • 3 cucchiai colmi di olio extravergine di oliva

Per il condimento:

  • 2-3 pomodori San Marzano (o altra varietà)
  • un fiocchetto di burro
  • un cucchiaino di zucchero di canna
  • origano
  • aglio secco
  • sale
  • 150gr di formaggio tipo galbanino
  • timo

Preparazione: per prima cosa preparare l’impasto. Se avete una planetaria (altrimenti fate a mano in una ciotola capiente) inserite il lievito, le farine e lo zucchero. Aggiungete a poco a poco l’acqua, l’olio, per ultimo il sale e impastate per 4 minuti a bassa velocità.

Coprite con un canovaccio e lasciate lievitare almeno 2 ore.

Trascorso questo tempo, ungersi le mani di olio e stendere la focaccia su della carta da forno, facendo i tipici buchi nell’impasto con i polpastrelli. Coprire di nuovo e lasciare lievitare per un’ora circa.

Nel frattempo mettere in una padella antiaderente il fiocchetto di burro, tagliare a fette sottili il pomodoro e farlo rosolare da entrambe le parti. Aggiungere il cucchiaino di zucchero, il sale, l’aglio secco e l’origano. Spegnere il fuoco.

Mettere sulla superficie della focaccia i pomodori, il formaggio a fette e i rametti di timo. A piacere potete ancora aggiungere un filo di olio extravergine.

Infornare a 200 gradi per 20 minuti e poi abbassare a 180 gradi per altri 10 minuti.

Voilà!DSC_1545-01

Vi ispira? Vale la pena accendere il forno? Dai su ammettetelo!!

A presto,

Maria Sole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...